logo

La Rocca di Gradara e il Castello dell’Amore

Il Castello di Gradara lo guardiamo ogni volta che “scendiamo” in Molise.

Sta lì, su di un colle al confine tra Romagna e Marche, con il mare alle spalle e le colline intorno.

Così, il primo giorno libero dopo il mio compleanno Peppe Wok mi sveglia dicendomi che mi porterà a visitare il Castello dell’Amore

Viene chiamato anche così il Castello di Gradara, perché è questo il luogo in cui Paolo e Francesca consumarono la loro tragica passione. Nella stanza di Francesca è rievocato il leggendario momento della lettura del galeotto libro che in un attimo ti fa tornare in mente la meraviglia della Divina Commedia.

Il borgo intorno al Castello è decisamente vuoto, a passeggiare lungo le stradine saremo una decina di persone. Ma le piccole botteghe e i ristoranti sono accoglienti come se fosse la più affollata delle domeniche.

Il Castello è racchiuso in doppie cinta murarie che custodiscono a loro volta il piccolo borgo ed è proprio passeggiandoci su che ti accorgi di avere il mare ai tuoi piedi e tutto il verde delle colline intorno, un paesaggio che ti scalda il cuore, sicuramente più del sole di questo speciale lunedì di novembre 🙂

Live simply,

Chiara e Peppe Wok

Per capire meglio l’atmosfera che si respira nel borgo dell’amore non perdetevi la gallery fotografica.

 

Per contattare Wok Photography, per altre curiosità sui nostri viaggi, per proporci nuovi itinerari o collaborazioni scrivete a contact@wokphotography.com oppure visitate la nostra pagina facebook Wok Photography

 

Porta Nova, uno dei tre ingressi alla Rocca di Gradara

Porta Nova, uno dei tre ingressi alla Rocca di Gradara

Prima di entrare nel Castello facciamo una sosta nella Chiesa di San Giovanni Battista

Prima di entrare nel Castello facciamo una sosta nella Chiesa di San Giovanni Battista

L'ingresso al Castello di Gradara

L’ingresso al Castello di Gradara

Alcuni particolari dell'interno del Castello di Gradara

Alcuni particolari dell’interno del Castello

Addentrandoci nelle stanze del Castello iniziamo a respirare il l'odore delle vicende passate

Addentrandoci nelle stanze del Castello iniziamo a respirare l’odore delle storie vissute tra queste mura

Le luci intense si alternano ad ombre forti, questo forte contrasto aumenta il fascino del luogo

Le luci intense si alternano ad ombre marcate, questo forte contrasto aumenta il fascino del luogo

Proseguendo la visita le stanze si succedono, la sensazione è quella di addentrarsi in un labirinto

Proseguendo la visita le stanze si succedono, la sensazione è quella di addentrarsi in un labirinto

Particolari degli arredamenti

Particolari degli arredamenti

Un bassorilievo della Madonna osserva i passanti e ci fa riflettere su quante vite abbia osservato nel corso dei secoli

Un bassorilievo della Madonna ci osserva dall’alto

La stupenda veduta sulle colline romagnole di cui godevano gli abitanti del Castello

La stupenda veduta sulle colline romagnole di cui godevano gli abitanti del Castello

La stanza nella quale la leggenda narra ci fosse stato il fatidico bacio tra Paolo e Francesca

La stanza teatro del fatidico bacio tra Paolo e Francesca

Non possiamo fare altro che fermarci ad ammirare la vista dalle mura

Non possiamo fare altro che fermarci ad ammirare la vista dalle mura

Ci siamo solo noi e qualche altro turista, il borgo di Gradara è pervaso da un silenzio surreale che spesso ci manca a Bologna

Ci siamo solo noi e qualche altro turista, il borgo di Gradara è pervaso da un silenzio surreale che spesso manca a Bologna

I camminamenti sulle mura

Alcuni particolari del Borgo di Gradara

Guardando attraverso una feritoia sulle mura ci rendiamo conto di quanto il mare sia vicino

Guardando attraverso una feritoia sulle mura ci rendiamo conto di quanto il mare sia vicino

Il particolare di un piccolo bar fuori le mura ci riporta agli anni novanta

Il particolare di un piccolo bar fuori le mura ci riporta agli anni ottanta

Comments are closed.